Come anticipato qualche settimana fa, ricordiamo che il Decreto Legge 39/2024, ha introdotto un nuovo obbligo di COMUNICAZIONE PREVENTIVA a carico delle imprese che effettuano:
• investimenti in beni strumentali nuovi, materiali o immateriali, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese (c.d. Industria 4.0);
• investimenti in attività di ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, design e ideazione estetica.

INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI 4.0
Il modello (allegato 1 del decreto) deve essere trasmesso in via preventiva dall’impresa al fine di comunicare l’ammontare complessivo degli investimenti in beni strumentali materiali o immateriali che si intendono effettuare e la presunta fruizione negli anni del credito. Lo stesso modello deve essere trasmesso al completamento degli investimenti al fine di aggiornare le informazioni comunicate in via preventiva.

INVESTIMENTI IN ATTIVITA’ DI RICERCA E SVILUPPO
Il modello (allegato 2 del decreto) relativo al credito d’imposta per gli investimenti in ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, design e ideazione estetica, deve essere trasmesso in via preventiva dall’impresa al fine di comunicare l’ammontare complessivo degli investimenti che si intendono effettuare e la presunta fruizione negli anni del credito. Lo stesso deve essere trasmesso al completamento degli investimenti al fine di aggiornare le informazioni comunicate in via preventiva.

Data inizio investimento
Sul sito del GSE, è stato chiarito che, come inizio dell’investimento, si intende la data del primo impegno giuridicamente vincolante che rende gli investimenti irreversibili.

Trasmissione dei modelli sul sito del GSE
Dal 18 maggio 2024 sul sito del GSE è attiva una nuova funzionalità che permette l’invio dei moduli tramite portale. Attraverso la registrazione all’Area Clienti, accedendo all’applicazione “Transizione 4.0 – Accedi ai questionari” e selezionando la tipologia di investimento, sarà possibile compilare il relativo modulo.

Precisazioni:
• Sui moduli deve essere apposta la firma elettronica qualificata da parte del Rappresentante Legale.
• La richiesta di compensazione va inviata:
– sia in via preventiva che in via consuntiva, per gli investimenti che si intende effettuare a partire dal 30 marzo 2024;
– esclusivamente in via consuntiva, per gli investimenti in beni strumentali nuovi effettuati dal 1° gennaio 2023 al 29 marzo 2024 e per gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, design e ideazione estetica effettuati dal 1° gennaio 2024 al 29 marzo 2024.

Dal 18 maggio 2024 è disabilitata la modalità di invio dei moduli tramite PEC.