News ed eventi

Promozione esclusiva per Autotrasportatori

AUTOTRASPORTATORI-small

 

Cna propone un servizio di CONSULENZA IN LOCO GRATUITA per l’analisi del costo del personale alla luce dei cambiamenti introdotti dal rinnovo del CCNL Logistica, Trasporto merci e Spedizioni. 

 

Per informazioni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

San.Arti:

an-Arti è il fondo di assistenza sanitaria integrativa dedicato al mondo dell'artigianato . Costituito nel 2012 da CNA , CONFARTIGIANATO imprese, CASARTIGIANI, C.L.A.A.I CGIL, CISL, UIL per i dipendenti, esteso nel 2015 con l'iscrizione volontaria a titolari, soci, collaboratori e loro famigliari.

 

L'obiettivo è tutelare la salute degli imprenditori

 

Il nuovo piano sanitario contiene più ampie prestazioni nelle diverse aree della chirurgia , riabilitazione , odontoiatria , diagnostica prevenzione e medicina specialistica con specifica attenzione agli artigiani , in particolare per le imprenditrici in occasione della gravidanza , per l'imprenditore in convalescenza dopo un intervento chirurgico.

Rimborso Integrale Ticket Sanitari

Il fondo prevede , entro 30/ 40 giorni dalla richiesta, il rimborso integrale di tutti i ticket sanitari sostenuti per visite ed accertamenti diagnostici effettuati tramite il Servizio Sanitario Nazionale , compreso il Pronto Soccorso.

Prestazioni gratuite tramite la rete UNISALUTE

Eroga inoltre prestazioni gratuite di CHECK-UP e consulenza medico–farmaceutica tramite numerosissime e accreditate strutture convenzionate della rete UNISALUTE. In più i titolari, i soci e i collaboratori d'imprese artigiane possono usufruire anche di alcuni sevizi aggiuntivi, tra cui l'indennità di convalescenza a seguito di intervento o in caso d'invalidità permanente.

 

Pacchetto Maternità

 

Una particolare attenzione viene rivolta alle donne iscritte al Fondo: il pacchetto maternità che comprende in qualsiasi struttura, sia in SSN che privata e convenzionata, il rimborso totale per ecografie , analisi clinico-chimiche, 4 visite di controllo ostetrico-ginecologico (6 per gravidanze a rischio), amniocentesi e villocentesi per un importo totale di 1000 euro al massimo. Infine in occasione del parto è prevista un'indennità giornaliera di euro 80 per ogni giorno di ricvero , per un massimo di 7 giorni . Inoltre nei primi 3 anni di vita per i figli degli iscritti a San-Arti è previsto il pagamento delle spese dei ricoveri , nel caso di interventi per correzione di malformazioni congenite conclamate durante il primo anno di vita . Infine sono comprese le visite e gli accertamenti diagnostici pre/post intervento , nonché la retta di vitto e di pernottamento dell'accompagnatore nell'istituto di cura o in albergo per il periodo del ricovero , nel limite annuo di euro 15.000 una tantum nel triennio.

 

Come aderire

 

Per aderire al Fondo basta collegarsi al sito www.cnaemiliaromagna.it/sanarti ed iscriversi compilando la semplice modulistica oppure potete contattare lo sportello SAN-ARTI della CNA Emilia Romagna telefonando al n. 0512133143 o inviando una mail all'indirizzo : sanarti@cnaemiliaromagna.

 

Termine per l'iscrizione: 15 dicembre 2018

 

L'iscrizione deve essere effettuata ENTRO IL 15 DICEMBRE 2018 e avrà valenza per tutto il 2019 . la quota di adesione è di euro 295 per titolari , soci e collaboratori e può essere estesa all'intero nucleo famigliare a fronte di una quota contributiva aggiuntiva pari a ero 110 fino ai 14 anni e di euro 175 dai 15 ai 75 anni .
Tutte le informazioni sono a portata di mano grazie al sito internet, l'App, il numero verde dedicato.

 

Come iscriversi:

 

Per informazioni, iscrizioni, ulteriori indicazioni, approfondimenti e per conoscere nel dettaglio i servizio offerti dal Fondo ci si può rivolgere a Ughetta Ciatti (tel. 0532 749111 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.); oppure si può scrivere all'indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonare a Paola Pedroni al numero di telefono 051 2133143.

Commenta (0 Commenti)

Aperte le adesioni a Eat to Meet 2018, il 12 dicembre al Palazzo Ex Borsa di Ferrara

EatToMeet17Sono aperte le iscrizioni all'edizione 2018 di Eat to Meet, iniziativa promossa da Cna Giovani Imprenditori che si svolgerà mercoledì 12 dicembre, presso il Palazzo Ex Borsa, in corso Ercole I d'Este, 1 a Ferrara. Come noto, la serata ruoterà attorno ad una simpatica cena conviviale, nella quale i commensali, oltre che trascorrere una serata piacevole, avranno l'opportunità di estendere la propria rete di conoscenze e scambiare informazioni, in un clima amichevole e informale. La serata è aperta a tutti gli imprenditori Cna interessati. E' prevista una quota di partecipazione. Per maggiori informazioni, rivolgersi a Silvia Merli, responsabile Giovani Imprenditori Cna, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta (0 Commenti)

Cna Network Business Day, per imprese che vogliono crescere

Aperte a Ferrara le adesioni al meeting Cna, che quest'anno si tiene a Modena. Contatti, relazioni economiche e commerciali tra pmi e grandi player nazionali e internazionali. Iscrizioni entro il 21 novembre

 

Cna Network Business DayC'è tempo fino a mercoledì 21 novembre per aderire alla edizione 2018 di Cna Network Business Day, manifestazione dedicata agli affari che vedrà, mercoledì 5 dicembre, presso la Fiera di Modena, 400 aziende della meccanica e dei servizi alle imprese confrontarsi per individuare nuovi clienti e fornitori, allargare la propria rete commerciale stabilendo nuove relazioni, sviluppare nuove idee e progetti.
L'iniziativa, partita proprio da Ferrara nel 2013 e, successivamente, trasformatasi in un evento di rilevanza regionale e poi nazionale, ha registrato via via numeri sempre più importanti, con la presenza, alla scorsa edizione, di oltre 300 pmi e 700 imprenditori, che hanno potuto interfacciarsi, tra l'altro, con importanti aziende italiane di caratura sia nazionale che internazionale. Quest'anno, tra l'altro, alla Fiera di Modena parteciperà una 40ina di imprese "player" interessate ad incontrare le pmi della produzione meccanica per sviluppare nuovi business, tra le quali due importanti gruppi legati a nostro territorio: la Berco Spa, leader mondiale nel campo della produzione di componenti per carri cingolati e la Toyota Material Handling Italia, società di ingegneria meccanica o industriale con sede a San Giovanni di Ostellato. Sarà presente, inoltre, anche Sipro-Investinferrara, interessata ad attrarre player nazionali e internazionali a delocalizzare in provincia di Ferrara.
La formula di Cna Network è pensata per dare la possibilità alle piccole medie imprese di conoscere e gettare le basi per future relazioni imprenditoriali tra quante più aziende possibile, nel corso di una intera giornata, con incontri individuali di 20 minuti ciascuno. Gli imprenditori possono scegliere quali aziende incontrare per condividere esperienze, trovare partner commerciali, individuare nuovi clienti e conoscere nuovi fornitori. Si valuta che, nelle ultime edizioni, mediamente il 35% dei partecipanti ha potuto stringere accordi dopo l'iniziativa.
Le imprese interessate possono aderire alla manifestazione iscrivendosi al sito www.cnanetwork.it sul quale è possibile consultare il regolamento, le modalità di iscrizione, la quote di partecipazione e gli sconti per gli associati Cna. Nel modulo di adesione le aziende possono presentare la propria attività, prodotti e servizi erogati, i vantaggi delle proprie offerte, ecc. Per maggiori informazioni, rivolgersi a Linda Veronese, responsabile Cna Produzione Ferrara, tel. 0532/749111, e-mail:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta (0 Commenti)

Ecobonus: ecco il bando per rottamare i vecchi diesel commerciali inquinanti

Dal 15 novembre è possibile presentare la domanda per sostituzione (ROTTAMAZIONE) di veicoli diesel da pre-euro a euro 4, con veicoli ad alimentazione

- Elettrica
- Ibrido elettrica/benzina (esclusivamente Full Hybrid o Hybrid Plug In *) Euro 6
- METANO (MONO O BIFUEL BENZINA) Euro 6
- GPL (MONO O BIFUEL BENZINA) Euro 6

Le domande possono essere presentate dal 15 Novembre 2018. La procedura è a sportello pertanto prima si presenta la domanda più si hanno possibilità di accedere ai fondi.

Qui alleghiamo una tabella di sintesi. Per maggiori informazioni rivolgersi a Amelia Grandi, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel. 0532 749205

 

Bando ecobonus

 

 

La Corbus di Bondeno premiata da CNA Emilia Romagna

Premiazione CorbusLa CORBUS di Bondeno, che da oltre 70 anni si occupa di trasporto persone, ha ricevuto il "Premio Patto per il Lavoro" di CNA Emilia Romagna insieme ad altre nove aziende della Regione. Sul palco dell'arena del Sole di Bologna é salito il titolare, il giovane Leonardo Cornacchini, quarta generazione in azienda.
Il Premio è stato conferito alla Corbus al termine dell'Assemblea regionale di CNA, a cui hanno partecipato oltre 700 congressisti, tra imprenditori e dirigenti dell'Associazione. Leonardo Cornacchini è salito sul palco dell'Arena del Sole di Bologna, in cui si svolgeva l'assemblea, insieme al direttore di CNA Ferrara Diego Benatti. Il Premio gli è stato consegnato da Davide Bellotti, Presidente provinciale di CNA Ferrara e Vice Presidente della CNA Regionale.
Il primo nucleo dell'attuale Corbus risale ad oltre 70 anni fa, quando il cavalier Aldobrando mise in piedi un servizio di collegamento tra Bondeno e i paesi vicini di Pilastri e Burana, in mancanza di qualsiasi servizio pubblico. Oggi, giunta alla quarta generazione di imprenditori, l'azienda opera con successo, oltre che in provincia di Ferrara, nei territori di Modena, Mantova e Bologna, con quattro divisioni: linee Ordinarie, Gran Turismo, Scuolabus ed Urbane
Nel corso dell'assemblea sono intervenuti il Presidente regionale di CNA Dario Costantini, il Presi.dente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, e il Segretario Generale di CNA Sergio Silvestrini.

Commenta (0 Commenti)

L’Unione europea è contro le pratiche sleali in campo agroalimentare

Parlamento EuropeoIl Parlamento europeo ha preso una posizione molto chiara contro le pratiche commerciali sleali in campo agroalimentare: il 25 ottobre scorso ha infatti conferito all'On. Paolo De Castro, con votazione in seduta plenaria, il mandato ad iniziare i lavori del Trilogo inter istituzionale (Parlamento, Commissione e Consiglio) sulla proposta di Direttiva per le Pratiche commerciali sleali nella filiera alimentare. 428 Europarlamentari hanno votato in favore della trasparenza e salvaguardia degli interessi per i micro e piccoli operatori del settore. Solo 170 i voti contrari.

"Era ora o mai più. - ha dichiarato Paolo De Castro - Sono felice che le lobby dei grandi supermercati non siano riuscite a mettere a tacere il Parlamento europeo che invece, a grande maggioranza (428 a favore, 170 contrari e 17 astenuti), ha dato il via libera all'avvio di negoziati con il Consiglio dei ministri e la Commissione Ue, per sopprimere le pratiche commerciali sleali dalla catena alimentare. I nostri agricoltori ne hanno disperatamente bisogno. Noi non li deluderemo e faremo partire già da oggi le trattative".

CNA AGROALIMENTARE ha lavorato fin dall'inizio dell'iter legislativo con il Parlamento europeo e ha sostenuto la posizione espressa dalla Commissione Agricoltura che raccoglieva i punti presentati da CNA AGROALIMENTARE a sostegno dell'estensione dell'ambito di applicazione della Direttiva a tutti gli attori nella catena alimentare, dell'inserimento di contratti obbligatori solo nel caso di espressa richiesta dei fornitori e dell'introduzione della possibilità per i richiedenti di presentare reclamo tramite le proprie organizzazioni di rappresentanza. Richieste che , in parallelo all'attività europea, sono stati anche oggetto dell'Audizione svoltasi lo scorso 11 settembre alla Camera dei Deputati con le Commissioni Attività Produttive e Agricoltura.

Fatturazione elettronica: con CNA è più facile

A partire dal 1° gennaio 2019 tra le aziende sarà ammessa solo la fatturazione elettronica. Restano soltanto pochi mesi per prepararsi in modo adeguato a questo nuovo obbligo. Per questo CNA Ferrara ha organizzato una serie di incontri rivolti agli imprenditori, che cominceranno il 13 novembre, nelle proprie sedi territoriali. Ecco la locandina con tutti gli appuntamenti.

 

Fatturazione-elettornica-locandina-immagine

 

 

CNA Ferrara è pronta ad accompagnare imprese e professionisti in questo delicato passaggio garantendo tutte le necessarie competenze.
I nostri consulenti sono preparati ad offrire le migliori soluzioni tra i diversi programmi convenzionati, la formazione e l'assistenza per l'utilizzo del programma scelto, un servizio "chiavi in mano" per gli adempimenti che l'imprenditore intende delegare, la consulenza a supporto delle nuove disposizioni normative.
Per ricevere informazioni e valutare insieme la migliore soluzione, CNA invita gli imprenditori o i loro responsabili del settore contabilità/fatturazione a rivolgersi a uno dei contatti riportati a questo link: http://www.cnafe.it/contatti.html

Commenta (0 Commenti)

Torna Mobi, la tre giorni della mobilità sostenibile: anche CNA partecipa all'iniziativa

MobiIl Mercato Coperto di Ferrara rivive ancora, e ospiterà una tre giorni di lavoro sui temi della mobilità sostenibile e dell'innovazione sociale. Anche CNA partecipa all'importante iniziativa e la sostiene. Dal 25 al 27 di Ottobre 2018 gli spazi di questo "mercato di idee" saranno animati da seminari, laboratori, officine per apprendere come riparare la propria bicicletta, apprendere come costruire una bicicletta in bambù, capire come migliorare i tragitti casa lavoro, casa scuola, sviluppare coesione sociale, e tanto altro. Le giornate saranno caratterizzate dai seguenti eventi:
25 Ottobre / MoBi Innovazione mobile. Giornata dedicata al progetto Metropoli di Paesaggio; workshop e seminari saranno gli eventi caratterizzanti. La serata sarà dedicata dalla proiezione di due cortometraggi a tema sostenibilità ambientale e mobilità: Before the flood, Bike vs cars.
26 Ottobre / Climathon 2018 Ferrara. Ferrara è riconosciuta in tutto il mondo come la "città delle biciclette", ma molte persone a Ferrara usano le auto per brevi spostamenti, lo shopping, le attività per il tempo libero, per portare i propri figli a scuola, ecc. Come possiamo innovare la mobilità a Ferrara? Una giornata di progettazione per essere artefici della identificazione di soluzioni innovative SPAL / Smart People Act Locally. Workshop e seminari saranno gli eventi caratterizzanti.
27 Ottobre / Marketplace per idee innovative. Il Mercato Coperto di Ferrara come un Open Innovation Lab in cui guidare le imprese del territorio nella ricerca di ambiti di innovazione nel campo della mobilità sostenibile (green e smart). Workshop e seminari saranno gli eventi caratterizzanti.

Commenta (0 Commenti)

“Dare visibilità alle imprese femminili per sconfiggere il pregiudizio”

Tecniche-impresa-1-miniQuasi duecento studenti hanno partecipato a un incontro nella sede CNA di via Caldirolo, per confrontarsi con le donne che fanno impresa

 

"È importante dare visibilità alle imprese femminili. Sono numerose e spesso operano a livelli molto elevati. Solo dando loro visibilità é possibile superare i pregiudizi che ancora ostacolano le donne nel mondo del lavoro". E' questa la tesi di Jessica Morelli, fotografa, imprenditrice nel settore della comunicazione e Presidente di Cna Impresa Donna, che ha moderato l'incontro "Tecniche d'Impresa", svoltosi presso la sede di Cna in via Caldirolo. Quasi duecento studenti delle scuole superiori di Ferrara (IT Bachelet, IPSIA e IT Copernico) oggi hanno incontrato quattro imprenditrici donne che hanno condiviso con loro le proprie storie, le proprie scelte e l'entusiasmo per l'impresa e per la propria attività.
Giulia Zonta é tra i fondatori di Scent, startup che realizza dispositivi per lo screening dei tumori: recentissima vincitrice del Premio Cambiamenti 2018, ha esortato gli studenti a seguire le proprie aspirazioni professionali; Valeria Balboni, titolare di Box doccia di Sant'Agostino, azienda che ha saputo rinascere dopo essere stata colpita duramente dal terremoto del 2012, ha aggiunto: "Se ci credete e perseverate le vostre aspirazioni possono diventare la professione della vostra vita". Miriam Surro è Ceo di MiDo, azienda attiva nel campo della automazione domestica e in particolare della misurazione automatica dei consumi: riflettendo sul ruolo delle donne imprenditrici ha detto: "siamo prima di tutto persone, la cosa più importante sono le competenze che possediamo". Eleonora Fiorani è titolare di Estepack, azienda che produce imballaggi, soprattutto ecosostenibili per il settore alimentare: "conservate sempre la possibilità di compiere scelte indipendenti per il vostro futuro".
L'incontro, molto partecipato dalle studentesse e dagli studenti delle scuole, si è svolto nell'ambito del Festival della Cultura Tecnica in corso a Ferrara. Al termine, Silvia Merli, responsabile per Cna dei rapporti con il mondo della scuola, ha illustrato il concorso "Scopri, conosci e rappresenta il mondo dell'impresa femminile", rivolto agli studenti di tutte le scuole ferraresi, dalle elementari alle superiori, per elaborati che si occupino - con strumenti e punti di vista diversi - di cultura d'impresa.

Commenta (0 Commenti)

Bytelabs, Scent e Scaccomatto i vincitori per Ferrara del Premio Cambiamenti Cna

Vincitori-Premio-Cambiamenti-2018 640x399Bytelabs di Nicola Bavarone, Scacco Matto srl di Wladimir Fezza e Scent srl sono le tre start up ferraresi vincitrici, per la nostra provincia, della edizione 2018 del Premio Cambiamenti, contest nazionale della Cna dedicato a neo imprese costituite dopo il 1° gennaio 2015, che abbiano saputo innovare prodotti e processi nel loro lavoro quotidiano.

I tre premiati sono, infatti, un esempio emblematico della innovazione più creativa e della ricerca di soluzioni evolute alle domande della società contemporanea, testimoniando, al tempo stesso, senso di responsabilità sociale e attenzione verso i bisogni e la cura delle persone. Tutte caratteristiche che si ritrovano, in forma diversa, nelle ventuno start up della nostra provincia candidate a questa terza edizione del Premio, tra le quali sono stati selezionati i vincitori, proclamati nel corso di una informale cerimonia che si è tenuta l'altra sera presso la Cna.

Originale e fortemente etico il percorso di Scaccomatto, azienda con diverse sedi in provincia, che fornisce servizi assistenziali e inserimento lavorativo per pazienti in trattamento psichiatrico, tramite il supporto degli utenti stessi. E che, già oggi, conta un 75% di dipendenti disabili. Ricerca, innovazione creativa e rigore scientifico sono le caratteristiche di Scent, start up che realizza dispositivi basati su sensori di gas nel monitoraggio e screening di tumori. E, infine, Bytelabs, azienda che ha individuato i propri ambiti di mercato nella consulenza e progettazione di software di test e misurazione, rivolti a professionisti e laboratori di ricerca.

A loro Cna garantirà l'inserimento nella ampia rete associativa delle proprie imprese, visibilità, consulenze specializzate e servizi mirati a supportarne la competitività e lo sviluppo. "Crediamo fortemente in queste imprenditori e imprenditrici – ha affermato il presidente di Cna Giovani Imprenditori, Bruno Faccini, rivolgendosi alle 21 start up ferraresi candidate a Cambiamenti – ne apprezziamo la volontà di mettersi in gioco, la convinzione nelle proprie idee e impresa. Per questo sosterremo il vostro progetto, assicurandovi il supporto necessario e l'accesso ad una rete imprenditoriale formidabile".

"Imprese con voglia di fare, creatività, in linea con i tempi e le trasformazioni del mercato", ha osservato il presidente provinciale della Cna Davide Bellotti, invitando tutti gli imprenditori presenti a portare le loro idee ed entusiasmo nell'economia locale e nella stessa Associazione.

I tre vincitori ferraresi parteciperanno alla selezione nazionale, già fissata a Roma per il 30 novembre. Queste le altre imprese che hanno partecipato alla edizione odierna di Cambiamenti: Agrisai 1601 srl, Altrosguardo Design – Mattia Menegatti, Brain srl, Bretelle Studio srl, Dynamic Box srl, Energhya srl, Furba srl, Marinati Cavalieri di Cavalieri Stefano, Marketeen srl, Metakeramos, Nuova Ivi srl, Officina68 - Società Cooperativa Sociale dell'arte e dei mestieri, Ok Cer, Pb Services, Pig'oh di Marco Pigozzi & C. sas, Puzzle Art srl, Villa Geras e www.lefantasiedicasa.com di De Angelis Emiliano.

Commenta (0 Commenti)

Fusioni tra Comuni: “opportunità per il territorio e per le imprese”

Mazzini frame 800x450

"Le fusioni tra i Comuni del territorio copparese sono sicuramente un fatto positivo: lo abbiamo sempre creduto e continuiamo a pensarlo. Ora ci aspettiamo che quanto deciso domenica scorsa comporti dei vantaggi anche per le imprese".

Il Presidente dell'Area Copparo di Cna Paolo Mazzini, in conferenza stampa, ha commentato così i risultati del referendum che si é svolto domenica 7 ottobre. E' quindi positivo il 

giudizio sulle fusioni di Ro e Berra, che daranno vita al Comune di Riva del PO, e di Tresigallo e Formignana, che daranno vita a Tresignana. "Speriamo – ha aggiunto Mazzini - che queste fusioni siano la premessa per una fusione più ampia, che in futuro coinvolga tutto il territorio del Copparese"

Le fusioni tra Comuni secondo il Presidente Mazzini, posso portare ottimizzazione dei costi, maggiore efficienza dell'apparato amministrativo, servizi migliori per i cittadini oltre che fondi aggiuntivi per i nuovi Comuni. Se verranno colte queste opportunità, le fusioni decise pochi giorni fa avranno sicuramente effetti positivi sul territorio. "Auspichiamo che le scelte economiche che verranno effettuate dalle nuove realtà amministrative nascano da una collaborazione con le imprese, per il bene delle comunità locali"

"Mettere l'impresa al centro dello sviluppo è la priorità che CNA Copparo indica alle pubbliche amministrazioni per questo è necessario creare servizi per i cittadini, ridurre la burocrazia, porre grande attenzione alle infrastrutture", ha aggiunto il Responsabile di CNA Area Copparo Francesco Robboni.

Premio alla memoria del regista Florestano Vancini dedicato alla creatività e fantasia dei giovani

Il Gruppo dei promotori del Premio VanciniDa chi sarà raccolta l'eredità di un artista e intellettuale come Florestano Vancini, del quale ricorre proprio quest'anno il decennale della scomparsa? Una presenza di spicco della cultura ferrarese, la cui impronta rimarrà nella storia del cinema italiano, grazie alle sue opere, alla sua umanità, alla passione antifascista ed empatia con le sofferenze degli umili e oppressi.

E' sui giovani la scommessa del Premio dedicato al cineasta ferrarese de "La lunga notte del '43", promosso da Cna Ferrara e Controluce Produzione, con il patrocinio di Camera di Commercio, Comuni di Ferrara e di Portomaggiore, Istituto di Storia Contemporanea e Regione, presentato oggi presso la sede della Cna, dai dirigenti provinciali dell'Associazione Roberto Bonora, vice presidente provinciale e Diego Benatti direttore provinciale; Stefano Muroni, regista e attore ferrarese della Controluce Produzione; Paolo Govoni e Mauro Gianattasio, presidente e segretario generale della Camera di Commercio di Ferrara; Francesca Molesini, assessore alla cultura del Comune di Portomaggiore. Presente una folta rappresentanza della qualificata giuria, che comprende personalità della narrativa, del giornalismo, della ricerca storica ed esperti di storia del cinema, presieduta da Gloria Vancini, figlia del cineasta, alla quale toccherà il compito di selezionare i vincitori: Anna Maria Quarzi, presidente Istituto di Storia Contemporanea, Antonella Guarnieri, reggente del Museo del Risorgimento e della Resistenza, gli scrittori Marco Gulinelli ed Eleonora Rossi.

La finalità del Concorso è mantenere vivo il ricordo di Vancini, legando la sua memoria ad un lavoro, individuale o di gruppo, basato sulla creatività e sul senso artistico delle nuove generazioni.

LogoPremio-Vancini-2018 350x148Al Premio possono concorrere gli studenti delle scuole superiori della provincia di Ferrara; tre le sezioni: narrativa, giornalismo e critica, cinema (si richiede un cortometraggio dalla durata massima di otto minuti, corto, docu-fiction o docu-film). Tutte e tre le sezioni avranno come argomento principale a scelta uno dei cinque temi cari a Florestano Vancini: il fiume Po, gli Estensi, la storia dell'Unità di Italia, il ventennio fascista, la civiltà contadina.

Perché una Associazione economica come Cna decide di indire un concorso, in collaborazione con una società di produzione cinematografica, in un ambito così innovativo? "Rappresentiamo imprese – ha ricordato il direttore provinciale Benatti – profondamente radicate nel territorio, del quale condividono cultura, tradizioni e umanità. Aspetti ben presenti nelle finalità del Premio Vancini, che può rappresentare il veicolo per coniugare questi valori con la passione del fare impresa."

"Senza dimenticare che il mondo economico ferrarese è fortemente connotato da una presenza importante di imprese operanti nel settore della cultura – ha sottolineato il presidente Cciaa Paolo Govoni - alle quali non si può non guardare oggi con grande attenzione, tenendo presente che al sistema culturale e creativo si deve il 6% della ricchezza prodotta nel Paese, pari a 92 miliardi di euro".

"Stimolare la creatività e fantasia dei giovani" è certo un buon modo per trasmettere la memoria e i valori alla base dell'opera di Florestano Vancini, al quale nel 2018 sono dedicate numerose iniziative di importanti istituzioni culturali ferraresi e non solo. Vi si è soffermato Stefano Muroni, illustrando i contenuti del bando, pubblicato sul sito web: www.premiovancini.it

Il primo classificato di ogni sezione vincerà un premio di 500 euro offerto da Cna; a tutti i partecipanti sarà offerto un workshop artistico intensivo dalla durata di sei ore, promosso da Controluce Produzione srl e Centro Preformazione Attoriale, che si terrà nel mese di aprile 2019 nella Delizia del Verginese, nel Comune di Portomaggiore. Ai tre finalisti per ogni sezione (singolo o classe partecipante) sarà riservato un ulteriore workshop intensivo di tre ore dal titolo "Ideazione, scrittura e produzione di un cortometraggio". La premiazione avrà luogo alla Sala Boldini di Ferrara nel mese di aprile 2019, all'interno di una giornata interamente dedicata alla figura del regista ferrarese. I lavori dovranno pervenire entro il 23 febbraio 2019. Per maggiori informazioni rivolgersi a Controluce Produzione (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ), o a Cna Ferrara (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. )

 

 

Commenta (0 Commenti)

Ecco la burocrazia che soffoca le imprese: i risultati della ricerca di CNA nazionale

Bellotti: "una realtà inaccettabile pagata a caro prezzo dalle imprese. Proponiamo standard condivisi tra tutti i Comuni. Digitalizzazione e dialogo tra gli Enti interessati condizioni per semplificare"

 

Avviare un'attività di autoriparazione costa 18.550 euro, per un totale di 86 adempimenti, mentre fare l'acconciatore ne richiede 65 (coinvolgendo ben 26 tra enti e amministrazioni vari), pari ad un costo di 17.535 euro. E gli esempi possono continuare. I dati dell'Osservatorio nazionale della Cna "Comune che vai, burocrazia che trovi", alla sua prima edizione, confermano quanto la burocrazia rappresenti una bella gatta da pelare per le piccole e medie imprese, restituendo la fotografia di una realtà se fosse possibile ancor più abnorme e gravosa per chi la deve sopportare.

 

QUI TROVATE LA RICERCA "COMUNE CHE VAI BUROCRAZIA CHE TROVI" IN VERSIONE INTEGRALE

 

L'indagine, alla quale ha partecipato anche la Cna di Ferrara per le cinque tipologie d'impresa prese in considerazione (acconciatura, bar, autoriparazione, gelateria, falegnameria), è stata condotta da Cna, in collaborazione con 52 Associazioni territoriali, in rappresentanza di altrettanti comuni, di cui 50 capoluoghi di provincia. Lo studio analizza inoltre alcuni aspetti dell'avvio d'impresa, comuni a tutti gli aspiranti imprenditori: gli adempimenti relativi a salute e sicurezza, la pratica per esporre un'insegna, la ristrutturazione dei locali, l'assunzione di un apprendista. Tutte le attività scontano profonde differenze tra un comune e l'altro, che incidono in termini di tempi ma anche di denaro. Ne emerge quanto la burocrazia costituisca effettivamente un elemento che frena le potenzialità di sviluppo e di crescita, prima di tutto per le pmi, e più in generale l'economia del Paese.


"Il quadro offerto dai dati dell'Osservatorio dà concretamente l'idea di quanto la burocrazia soffochi le imprese in termini di tempo, di costi e rallentamento del proprio lavoro. Questo, nonostante i numerosi tentativi di riforma e i proclami di questi anni. Una realtà inaccettabile, che Cna non può e non vuole considerare scontata, nella convinzione che ogni processo di modernità e di crescita del nostro Paese debba necessariamente passare dalla lotta alla sburocratizzazione e dalla semplificazione, specie per le imprese sottoposte, ogni giorno, ad una difficile competizione di mercato".
Per quanto riguarda Ferrara, il presidente Bellotti sottolinea come la burocrazia stritoli pesantemente le nuove iniziative economiche, e in particolare quelle dei giovani che hanno voglia di fare impresa. "Siamo di fronte ad una vera emergenza, le imprese non riescono ad avviarsi perché la burocrazia ha sostituito ogni buona prassi, dall'avviamento assistito al controllo di produzione. Tutto si basa sulla circolazione di carta all'interno di uffici, nei quali prevale la ricerca esasperata dell'autotutela a scapito dello sviluppo. E questa danneggia tutti, in una spirale che va assolutamente interrotta".
"Facciamo almeno un primo concreto passo verso la semplificazione – esorta Bellotti – Le Amministrazioni locali adottino standard condivisi su tutto il territorio provinciale e applichino in modo intelligente le tecnologie digitali, mettendo in rete tutti gli interlocutori che si interfacciano con le imprese, diversamente da quanto sta avvenendo, ad esempio, per la vicenda della fatturazione elettronica, ennesimo incubo per le imprese".

 

Qui trovate un Estratto dettagliato della Ricerca "Comune che vai Burocrazia che trovi"

 

 

Commenta (0 Commenti)

Donne Imprenditrici contro gli stereotipi di genere

Nell'ambito del Festival della Cultura Tecnica 2018, CNA Ferrara organizza un
momento di incontro e confronto con le protagoniste dell'imprenditoria
femminile locale.
GIOVEDI' 18 OTTOBRE 2018, dalle ore 10.30 alcune imprenditrici,
che hanno scelto percorsi di carriera non ortodossi secondo l'approccio rosa
/azzurro con cui intere generazioni sono state allevate, raccontano la loro
esperienza agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado di
Ferrara e provincia.
Una chiacchierata informale, moderata da Jessica Morelli, presidente di CNA
Impresa Donna, e finalizzata ad insinuare il dubbio che le ragazze possano
anche essere portate per le materie non umanistiche e per il lavoro autonomo.
Durante la mattinata sarà inoltre presentato il concorso scolastico SCOPRI,
CONOSCI E RAPPRESENTA LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA FEMMINILE
L'iniziativa si svolgerà presso la sede CNA di Via Caldirolo 84, a Ferrara.


La partecipazione è gratuita ma è necessario prenotarsi entro lun 15/10
scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Premio Cambiamenti: il 16 ottobre si scelgono le imprese vincitrici

Argomenti trattati in questo articolo:

Si terrà martedì 16 ottobre, alle 17 30, nella sede di CNA Ferrara in via Caldirolo, la finale locale del Premio Cambiamenti 2018. Le neo imprese candidate saranno valutate dalla Giuria composta da: Paolo Govoni, Presidente di CCIAA Ferrara; Davide Bellotti, Presidente provinciale di CNA Ferrara e Bruno Faccini, Presidente dei Giovani Imprenditori di CNA Ferrara.
Il Premio Cambiamenti è un'iniziativa della CNA Nazionale. A Ferrara sono state 22 le start up, create soprattutto da giovani, che hanno concorso alla scorsa edizione del premio, operanti in vari settori: dalla robotica ed engineering, alla cultura e turismo, dai servizi di tipo socio-educativo alla diagnostica nella sanità, dall'ecoedilizia all'efficienza energetica, dalla produzione multimediale alla moda sino al settore alimentare.Premio Cambiamenti foto

Commenta (0 Commenti)

CON CNA L'OTTOBRE ROSA E' SEMPRE PIU' "INTERNAZIONALE"

Gastronomia, tradizioni locali, ma anche cura della salute attraverso la prevenzione. Questi i tre elementi che hanno caratterizzato la cena a cui hanno partecipato, ieri sera, un centinaio di giornalisti ospiti e protagonisti del Festival di Internazionale a Ferrara. Nelle sale del Ridotto del Teatro Comunale “Claudio Abbado”, i piatti della tradizione ferrarese sono stati offerti da ristoratori aderenti alla Cna, in collaborazione con la Strada dei Vini e dei Sapori. Nel corso della serata, tuttavia, ha trovato spazio anche la prevenzione: sono state illustrate le iniziative di Ottobre Rosa, un intero mese dedicato alla prevenzione dei tumori al seno a cui CNA partecipa con il proprio Comitato Impresa Donnas: la Presidente del Comitato, Jessica Morelli, fotografa e imprenditrice nel settore della comunicazione e della pubblicità, ha partecipato alla serata insieme a specialisti e autorità che animano, sostengono e promuovono l’Ottobre Rosa.

Commenta (0 Commenti)

Anche CNA premia i valori dello sport

C’era anche la CNA di Ferrara al Galà dello Sport 2018, che si è tenuto nella serata di giovedì 4 ottobre al Teatro Nuovo. La prestigiosa manifestazione ogni anno rende omaggio alle eccellenze e ai valori dello sport con una particolare attenzione alle “stelle di casa nostra”. In un’iniziativa di questo livello la CNA di Ferrara non poteva mancare: per questo ieri sera Roberto Bonora, imprenditore del settore meccanico e Vice Presidente di CNA, ha partecipato alla consegna dei riconoscimenti e dei doni offerti ai premiati. A Simone Colombarini, che rappresentava la SPAL - ospite d’onore della serata - è stato consegnato un piatto in ceramica graffita ispirato alla figura di San Giorgio: in occasione del derby con il Bologna dello scorso campionato, i tifosi della Curva Ovest resero infatti San Giorgio protagonista di una memorabile coreografia. Un altro dono – un piatto anch’esso in ceramica graffita dai motivi floreali - è stato consegnato da Roberto Bonora a Mauro Borghi, Presidente del Canoa club, che ha ricevuto il Premio Diamante 2018 per il pluriennale per lo sport e per l’inserimento dei giovani con disabilità. La manifestazione era organizzata ogni anno dal Coni Point di Ferrara, con la collaborazione del Comitato Paralimpico Italiano, del Panathlon Club estense e dell’associazione nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia.

Commenta (0 Commenti)

Al centro dell’incontro tra Cna e i consiglieri regionali ferraresi il patto proposto da Cna Emilia Romagna

Argomenti trattati in questo articolo:

Per Ferrara richiesto impegno su infrastrutture, appalti, burocrazia, turismo e credito

Spirito di collaborazione per affrontare i problemi per la competitività delle imprese e del territorio

Ferrara - Un patto per la competitività proposto da Cna Emilia Romagna, utile anche al territorio ferrarese per crescere, superando vecchi gap strutturali da tempo irrisolti, che veda al centro le piccole e medie imprese. Pmi che, nel proprio lavoro quotidiano, debbono fare i conti con forti contrappesi imposti dal sistema Paese: fisco, burocrazia, difficoltà di accesso al credito e chiedono alla politica cosa intende fare per alleviare la loro "fatica", anche nella nostra realtà regionale e locale.

Se ne è discusso in oltre due ore di confronto nel merito dei problemi, alla presenza di un centinaio di imprenditori, animati da un positivo spirito di collaborazione teso a ricercare terreni comuni di lavoro e possibili approdi concreti ai problemi. L'incontro dell'altra sera del gruppo imprenditoriale dirigente della Cna con i quattro consiglieri regionali eletti nella nostra provincia – Marcella Zappaterra e Paolo Calvano del Pd e Alan Fabbri e Marco Pettazzoni della Lega Nord – ha preso le mosse dalla piattaforma di confronto di Cna Emilia Romagna rivolta alla Regione e dalla proposte dell'Associazione sugli asset essenziali per una crescita che veda le piccole e medie imprese protagoniste.

Ma lo sforzo di Cna – contenuto nella relazione del presidente provinciale Davide Bellotti, che ha dato il via al confronto – ha cercato di collegare strettamente politiche regionali e questioni strategiche per lo sviluppo del nostro territorio: in primis quella delle infrastrutture divenuta – secondo Bellotti – "una vera e propria emergenza, tale da ostacolare seriamente la competitività della nostra provincia e delle sue imprese. Dobbiamo comprendere che questa rappresenta una assoluta priorità per la nostra provincia" ha ribadito Bellotti. E dunque, Cispadana e Ferrara Mare in primis, ma anche un piano sistematico di manutenzione di strade, ponti e vie d'acqua. Cosa intende fare la politica?

Differenti le letture delle ragioni per cui, a distanza di anni i progetti rimangono ancora irrealizzati. Sulla Cispadana, Alan Fabbri: "Le colpe stanno in chi ha governato in questi anni, si scopre solo ora che mancano 200 milioni di euro alla realizzazione del Progetto? E' la Regione che deve sostenere il costo del progetto". Dall'altra Paolo Calvano ha posto, invece, l'accento sulle tormentate vicende nazionali che hanno segnato il percorso dei vari progetti infrastrutturali, costretti alla ripartenza dal succedersi dei diversi governi. "Siamo impegnati in Regione a trovare i soldi che servono per la Cispadana, ma occorre che il Governo consideri questa opera una priorità – ha puntualizzato - così come la terza corsia del tratto autostradale tra Ferrara e Bologna". Di fatto, la questione delle infrastrutture è un problema "che pagano tutti i cittadini e le imprese", ha aggiunto Marco Pettazzoni.

"A Ferrara sono aperte opportunità nuove rispetto al passato", ha tuttavia rilevato Marcella Zappaterra, convinta che sia "indispensabile raccogliere le sfide sul tappeto, utilizzando le risorse economiche previste dai bandi regionali per gli investimenti, ad esempio in materia di innovazione, internazionalizzazione e formazione, che offrono spazi importanti alle pmi".

La complessità delle questioni sollevate da Cna – oltre a infrastrutture, fisco, burocrazia e credito, anche il tema dell'accesso delle pmi agli appalti, turismo e cultura, formazione – è certo rimasta interamente sul tappeto, malgrado la reciproca volontà di collaborazione e l'impegno a sostegno degli interessi del territorio, che i consiglieri regionali hanno tenuto a sottolineare. "La sfida di Ferrara - ha così chiuso il dibattito il presidente Bellotti - sarà quella di convergere, tutti insieme, al di là delle divisioni politiche, sulle priorità per il suo sviluppo poste questa sera".

Commenta (0 Commenti)

Cna incontra i consiglieri regionali ferraresi - Obiettivo: un ambiente più favorevole alla crescita delle pmi

Argomenti trattati in questo articolo:

Un patto per la competitività in Emilia Romagna al centro  dell’iniziativa in programma mercoledì 26 settembre

 

Ferrara - "Un Patto per la competitività della Regione Emilia Romagna": è il tema al centro dell'incontro, organizzato dalla Cna per mercoledì 26 settembre, alle ore 20,30, presso la sede di via Caldirolo, con i consiglieri regionali eletti in provincia di Ferrara, alla presenza degli imprenditori dirigenti dell'Associazione.

Interverranno: Paolo Calvano, consigliere regionale del Partito Democratico, Alan Fabbri e Marco Pettazzoni, consiglieri regionali della Lega Nord e Marcella Zappaterra, consigliere regionale del Partito Democratico. I lavori saranno introdotti da Davide Bellotti, presidente provinciale della Cna e moderati dal direttore provinciale dell'Associazione Diego Benatti.

Il "Patto per la Competitività" è una piattaforma di confronto di Cna Emilia Romagna rivolta alla Regione Emilia-Romagna, nella quale sono portate a sintesi le esigenze delle imprese, indicando obiettivi concreti volti a creare un ambiente più favorevole allo sviluppo equilibrato e diffuso dell'imprenditoria nella nostra regione. Il "Patto" prende le mosse da quelle che vengono considerate le "fatiche dell'imprenditore", ovvero burocrazia, fiscalità, credito, legalità, infrastrutture, per lanciare una serie di proposte su "driver" considerati indispensabili per la crescita dell'impresa: formazione, innovazione, internazionalizzazione, investimenti.

 

 

Commenta (0 Commenti)

Vuoi approfondire senza impegno questo argomento o semplicemente richiedere informazioni?

Contattaci compilando il modulo sottostante

Rispondiamo sempre a tutte le mail!