Normative e Servizi

NUOVA SABATINI - CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

NUOVA SABATINI - CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI -

Il Ministero dello Sviluppo Economico, ha previsto l’erogazione di contributi in conto interessi per l’abbattimento dei tassi su finanziamenti o leasing finalizzati all’acquisto di beni strumentali nuovi di fabbrica.

Beneficiari: Micro, Piccole e Medie imprese con sede operativa in Italia.

Investimenti ammissibili:

  • macchinari, impianti, beni strumentali d’impresa e attrezzature nuove di hardware, software e tecnologie digitali; fabbrica;

Attenzione: ogni obbligazione contrattuale che viene assunta sui beni acquistati direttamente o tramite leasing, deve essere successiva alla domanda dicontributo.

L’investimento deve essere completato entro 12 mesi dalla data della stipula del finanziamento.

Contributo: Il contributo, non è in regime “de minimis”, ma in regime generale di esenzione, ed è pari all’ammontare degli interessi calcolati al 2,75% su un piano d’ammortamento di 5 anni con rate semestrali di importo corrispondente al finanziamento. Il finanziamento deve essere erogato in unica soluzione, per un periodo non superiore a 60 mesi, può coprire fino al 100% dell’investimento e non può essere inferiore a 20.000,00€ o superiore a 2.000.000,00€

Il contributo viene erogato suddiviso in tranche annuali, pari alla durata del finanziamento (esempio 50.000 euro di contributo, su un finanziamento di anni 5, avrà 5 erogazioni da 10.000€)

Termini e procedure di presentazione delle domande:

Le domande si possono presentare dal 2 gennaio 2017 e fino a esaurimento dei fondi disponibili. La richiesta dovrà essere firmata digitalmente e dovrà essere invita tramite Pec. Importante Novità nuova Sabatini “Manifacturig 4.0”: Per favorire la realizzazione di investimenti aventi carattere spiccatamente innovativo, con particolare riferimento a quelli ascrivibili al cosiddetto “Manufacturing 4.0”, per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica aventi come finalità la realizzazione di investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID), si potrà usufruire di una maggiorazione del contributo pari al 30%. 

Tra gli investimenti che danno titolo a beneficiare della Nuova Sabatini, anche i sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

Per maggiori informazioni, potete contattare Patrizia Barbieri, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta (0 Commenti)

RiaperturaFONDO STARTER - AVVIO D’IMPRESA

RiaperturaFONDO  STARTER  -  AVVIO D’IMPRESA

Risorse POR-Fesr Regione Emilia Romagna (gestore Unifidi E.R.)

Si tratta di un fondo rotativo di finanza agevolata riservato alle neo imprese (Piccole imprese, costituite da meno di 5 anni alla data di presentazione della domanda, operanti in Emilia Romagna)  a tasso zero sul  70% del progetto.  Le domande potranno essere presentate on line dal 01 Marzo al 07 Maggio 2018 (salvo esaurimento fondi).

Per approfondimenti  vi invito a leggere l’allegato.

Le imprese potranno rivolgersi al servizio credito:   Cna Servizi Finanziari Ferrara srl 0532/749111  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta (0 Commenti)

Riapertura FONDO ENERGIA - FINANZIAMENTI PER INTERVENTI DI GREEN ECONOMY

Riapertura FONDO  ENERGIA - FINANZIAMENTI PER INTERVENTI DI GREEN ECONOMY
AGEVOLAZIONE: Tasso zero + fondo perduto

Risorse POR-Fesr  Regione Emilia Romagna (gestito da Unifidi E.R.)

 

Si tratta di un fondo rotativo di finanza agevolata riservato alle imprese in cui si realizza un progetto d’investimento  finalizzato all’efficienza energetica ed all’uso di energia rinnovabile, le stesse devono avere  sede o unità locale in Emilia Romagna. Il finanziamento  di importo fino a ad € 500.000 e con durata fino a 96 mesi è a tasso zero sul  70% del progetto ammesso, mentre il  restante 30% ad un tasso convenzionato con gli Istituti di Credito.

Il Fondo concede inoltre un CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO che copre le spese tecniche sostenute per la diagnosi energetica, e/o lo studio di fattibilità, e/o la preparazione del progetto di investimento.

L’importo massimo del contributo non potrà superare i 12,5% della quota pubblica di finanziamento ammesso e verrà erogato dopo la rendicontazione finale del progetto.

Le domande potranno essere presentate on line dal 01 Marzo al 07 Maggio 2018 (salvo esaurimento fondi).

Per approfondimenti  vi invito a leggere l’allegato.

Le imprese potranno rivolgersi al servizio credito:  Cna Servizi Finanziari Ferrara srl 0532/749111  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta (0 Commenti)

RINNOVATA LA CONVENZIONE TRA UNFIDI ED UNICREDIT BANCA

RINNOVATA LA CONVENZIONE TRA UNFIDI E.R. ED UNICREDIT BANCA

Abbiamo il piacere di informavi che dopo un anno di interruzione dell’operatività tra Unifidi ed Unicredit, in questi giorni è stata firmata la nuova convenzione che ci consentirà di riprendere ad operare offrendo la garanzia consortile alle Imprese ns. associate per operazioni erogate da Unicredit, sulle quali si rendesse necessaria la garanzia di un Consorzio Fidi  vigilato da Banca d’Italia.

Sono attualmente in fase di definizione prodotti e condizioni.

Vi ricordiamo che potete rivolgervi a Cna Servizi Finanziari Ferrara srl, per ulteriori informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta (0 Commenti)

Accordo per il credito 2015 prorogato al 31 Luglio 2018

Il 31 marzo 2015, l'ABI e le Associazioni di rappresentanza delle imprese hanno sottoscritto l'Accordo per il credito 2015, che comprende le seguenti tre iniziative in favore delle Pmi:

1. Imprese in ripresa, in tema di sospensione e allungamento dei finanziamenti;
2. Imprese in sviluppo, per il finanziamento dei progetti imprenditoriali di investimento ed il rafforzamento della struttura patrimoniale delle imprese;
3. Imprese e Pa, per lo smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica amministrazione.
Possono beneficiare delle operazioni previste dall'Accordo per il credito, tutte le Pmi operanti in Italia, comprese quelle che presentino alcune difficoltà finanziarie, a condizione che, al momento di presentazione della domanda, non abbiano posizioni debitorie classificate dalla banca come "sofferenze", "inadempienze probabili" o esposizioni scadute e/o sconfinanti da oltre 90 giorni (imprese "in bonis").

Ai sensi dell'iniziativa "Imprese in ripresa" è possibile sospendere/allungare anche i finanziamenti che hanno già beneficiato di tali agevolazioni negli anni passati, con la sola esclusione di quelli per i quali la sospensione è stata richiesta nei 24 mesi precedenti.

Nel mese di dicembre 2017, con uno specifico Addendum, è stato prorogato il periodo di validità dell'Accordo dal 31 dicembre 2017 al 31 luglio 2018, ferme restando tutte le altre disposizioni in esso contenute. Le richieste di attivazione delle misure previste dal citato Accordo potranno quindi essere presentate dalle imprese fino al 31 luglio 2018, comunque in relazione a finanziamenti stipulati prima del 31 marzo 2015.

Commenta (0 Commenti)

Microcredito con erogazione diretta di UNIFIDI E.R. per finanziare professionisti, lavoratori autonomi e microimprese (3)

La Regione Emilia Romagna ha assegnato in gestione ad Unifidi E.R. il Fondo per il Microcredito con risorse pari a 2 milioni di euro con la finalità di agevolare l'accesso al credito delle piccole imprese, professionisti e lavoratori autonomi.
Si tratta quindi di un sostegno concreto che la Regione ha voluto mettere a disposizione delle piccole iniziative imprenditoriali che favoriscano sviluppo, nuovi investimenti e crescita dell'occupazione nel nostro territorio.
Le spese finanziate riguardano principalmente gli investimenti in beni strumentali, investimenti in innovazione, soluzioni e prodotti ICT e sviluppo organizzativo, il pagamento di corsi di formazione, la liquidità aziendale legata allo sviluppo dell'attività - compreso il costo del personale aggiuntivo - con esclusione di operazioni di consolidamento passività e/o debiti fiscali. Le spese sono ammissibili con retroattività massima di 3 mesi antecedenti la data di presentazione della domanda, inoltre il progetto dovrà essere rendicontato entro 12 mesi dalla data di erogazione.
Il finanziamento - da un minimo di 5.000€ ad un massimo di 25.000€, con una durata compresa tra i 36 ed i 60 mesi viene erogato direttamente da Unifidi E.R. con la garanzia del Consorzio del 50%, minimi i costi di istruttoria e con interessi a tasso zero.
Il finanziamento può essere richiesto dai i seguenti soggetti:
- Lavoratori autonomi e liberi professionisti operanti in Regione che, alla data della domanda, siano titolari di partita iva da non più di cinque anni, con fatturato negli ultimi 12 mesi non superiore ad € 100.000. I liberi professionisti devono essere iscritti agli ordini professionali o aderenti alle associazioni professionali o costituiti in forme aggregate tra professionisti con gli stessi requisiti delle imprese;

- Imprese individuali, società di persone, società a responsabilità limitata semplificata, società cooperative operanti in Regione, avviate da non più di cinque anni con fatturato negli ultimi 12 mesi non superiore ad € 200.000.
Il soggetto richiedente non dovrà avere un indebitamento di breve superiore a 50.000€.
Le domande possono essere presentate fino al 31 dicembre 2017 tramite Cna Servizi Finanziari Ferrara
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 0532/749111

Commenta (0 Commenti)

Test gratuito sulla reputazione bancaria della tua azienda

Spesso dagli incontri con le aziende clienti, sono emerse problematiche inerenti alla gestione dei rapporti bancari:
– Segnalazioni negative in centrale rischi
– Peggioramento delle condizioni applicate
– Peggioramento del rating attribuito dalle banche
– Alcuni casi di riduzione affidamenti
Gestire correttamente il rapporto con le banche è vitale per le aziende, ma allo stesso tempo sta diventando sempre più difficoltoso. Tutti gli Istituti di credito devono infatti rispettare le normative europee di Basilea che prevedono norme sempre più restrittive.
Il primo elemento da analizzare è la centrale rischi.
Ecco che ai Soci CNA offriamo la possibilità di usufruire di un test gratuito per conoscere la reputazione bancaria dell'azienda.
Andremo ad effettuare insieme un check-up delle informazioni sulla sua azienda contenute in centrale rischi Banca d'Italia.


In base all'esito del test, si valuterà l'opportunità di approfondire per effettuare un'analisi dettagliata e ricercare le singole anomalie.
Se desidera effettuare il test, può contattare il Responsabile dell'Ufficio CNA di suo riferimento

Commenta (0 Commenti)

Microcredito con erogazione diretta di Unifidi E.R. per finanziare professionisti, lavoratori autonomi e microimprese

La Regione Emilia Romagna ha assegnato in gestione ad Unifidi E.R. il Fondo per il Microcredito con risorse pari a 2 milioni di euro con la finalità di agevolare l'accesso al credito delle piccole imprese, professionisti e lavoratori autonomi.
Si tratta quindi di un sostegno concreto che la Regione ha voluto mettere a disposizione delle piccole iniziative imprenditoriali che favoriscano sviluppo, nuovi investimenti e crescita dell' occupazione nel nostro territorio.
Le spese finanziate riguardano principalmente gli investimenti in beni strumentali, investimenti in innovazione, il pagamento di corsi di formazione, la liquidità aziendale legata allo sviluppo dell'attività - compreso il costo del personale aggiuntivo - con esclusione di operazioni di consolidamento passività e/o debiti fiscali.
Il finanziamento - da un minimo di 5.000€ ad un massimo di 15.000€, con durata massima di 60 mesi viene erogato direttamente da Unifidi E.R. con la garanzia del Consorzio del 50%, minimi i costi di istruttoria e con interessi a tasso zero.
Il finanziamento può essere richiesto dai i seguenti soggetti:
 Lavoratori autonomi e liberi professionisti operanti in Regione che, alla data della domanda, siano titolari di partita iva da almeno un anno e da non più di cinque anni, con fatturato annuo tra 15 e 70 mila euro. I liberi professionisti devono essere iscritti agli ordini professionali o aderenti alle associazioni professionali o costituiti in forme aggregate tra professionisti con gli stessi requisiti delle imprese;

 Imprese individuali, società di persone, società a responsabilità limitata semplificata, società cooperative operanti in Regione, avviate da almeno un anno e da non più di cinque con fatturato annuo tra 15 e 100 mila euro.
Il soggetto richiedente non dovrà avere un indebitamento di breve superiore a 50.000€.
Le domande possono essere presentate fino al 31 dicembre 2017 tramite Cna Servizi Finanziari Ferrara
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 0532/749111

Commenta (0 Commenti)

Nuova Sabatini, riaperto lo sportello per finanziamenti e leasing agevolati

Riapre lo sportello per la presentazione delle domande di accesso ai contributi a valere sulla Nuova Sabatini (finanziamenti e leasing agevolati): l'agevolazione è stata prorogata fino al 31 dicembre 2018.
Istituito nel 2013, il regime di aiuto Nuova Sabatini intende agevolare l'accesso al credito delle PMI per l'acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature.
Il contributo concesso dal Ministero, a fronte del finanziamento ottenuto, è pari all'ammontare degli interessi, calcolati al tasso del 2,75% annuo per cinque anni (praticamente, è possibile giungere ad un finanziamento a tasso zero).

Inoltre, per favorire la realizzazione di investimenti aventi carattere spiccatamente innovativo, con particolare riferimento a quelli ascrivibili al cosiddetto "Manufacturing 4.0", l'acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica aventi come finalità la realizzazione di investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID), si potrà usufruire di una maggiorazione del contributo pari al 30%.
Tra gli investimenti che danno titolo a beneficiare della Nuova Sabatini, anche i sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.


Per maggiori informazioni contatta CNA SERVIZI FINANZIARI FERRARA srl: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Tel 0532 749111

Commenta (0 Commenti)

A Bologna la fusione tra Unifidi e Fidindustria


Venerdì 2 settembre, presso la sala Poggioli della Regione Emilia Romagna, si è tenuto l'incontro sulla aggregazione tra Unifidi e Fidindustria, nel quadro del riassetto del sistema di garanzia regionale, alla presenza dell'assessore regionale Palma Costi. Iniziativa, attraverso la quale i due Consorzi Fidi, protagonisti della fusione, hanno illustrato alle organizzazioni di rappresentanza, al sistema bancario ed alle istituzioni le motivazioni della decisione assunta dai rispettivi Consigli d'amministrazione e gli scenari futuri che sottendono alla fusione. In Emilia Romagna il sistema di garanzia registra una contrazione dell'operatività e delle prospettive di crescita, influenzate dalla recessione economica, con conseguente riduzione degli impieghi a favore delle imprese, e dalla sovrapposizione di strumenti di garanzia pubblica, quali il Fondo centrale di Garanzia. In questo contesto si inserisce l'operazione di fusione tra i due confidi che, nel rispetto delle rispettive esperienze maturate e competenze acquisite, consentirà di rispondere alle esigenze imposte dai mutamenti normativi e di mercato, cogliendo le opportunità di crescita. Nel corso dell'assemblea è intervenuto il presidente regionale della Cna, Paolo Govoni che, dopo aver richiamato il valore dell'operazione in termini di sostegno all'economia regionale, ha sottolineato come il passo in avanti compiuto potrà dare risultati positivi solo se verranno messe in campo diverse azioni. Tra queste, la costruzione di una nuova offerta di servizi e prodotti per le imprese, una maggiore efficienza della struttura organizzativa e della capacità di risposta alle imprese, il sostegno da parte delle Istituzioni, il riconoscimento da parte del sistema bancario del valore del nuovo soggetto. E', inoltre, auspicabile accentuare il processo di capitalizzazione dei Confidi, in un quadro di riforma del Fondo Centrale di Garanzia

Commenta (0 Commenti)

Vuoi approfondire senza impegno questo argomento o semplicemente richiedere informazioni?

Contattaci compilando il modulo sottostante

Rispondiamo sempre a tutte le mail!

Bandi e Opportunità