Normative e Servizi

NOVITA' APE sull' Anticipo Finanziario a Garanzia Pensionistica

APE (Anticipo finanziario a garanzia pensionistica)

Come ampiamente pubblicizzato dagli organi di stampa, è partito da pochi giorni l’Ape (Anticipo Pensionistico), una misura sperimentale prevista dall’01/5/2017 al 31/12/2019, introdotta con la legge di bilancio per il 2017 che, in presenza di alcuni requisiti, consente di ricevere un assegno mensile fino alla maturazione del diritto alla pensione di Vecchiaia.Si tratta di un prestito corrisposto a quote mensili dall’istituto finanziatore scelto dal richiedente, iscritto a determinate forme previdenziali, con almeno sessantatré anni di età e vent’anni di contribuzione, che maturerà il diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi dalla domanda. Non prevede la cessazione dell’attività lavorativa.

La restituzione del prestito, coperto da una polizza assicurativa obbligatoria per il rischio di premorienza, avviene a partire dalla maturazione del diritto alla pensione di Vecchiaia, con rate di ammortamento mensili per una durata di vent’anni, trattenute sulla pensione.

I lavoratori interessati sono i lavoratori dipendenti sia del settore privato che del pubblico impiego; i lavoratori autonomi; gli iscritti alla Gestione Separata.

 

I requisiti per l’Ape sono:

- un’età anagrafica minima, al momento della richiesta, di 63 anni di età;

- possedere il requisito contributivo minimo di 20 anni;

- maturare il diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi;

- l’importo della pensione, al momento della richiesta, dovrà risultare non inferiore a 1,4 volte il trattamento minimo INPS (702,65 euro al mese) al netto della rata di ammortamento corrispondente all'APE richiesta;

- non essere titolari di una pensione diretta o dell'assegno ordinario di invalidità.

 

Trattamento fiscale

Le somme di APE erogate mensilmente non costituiranno reddito ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche.

A fronte degli interessi sul finanziamento e dei premi assicurativi corrisposti è riconosciuto un credito d’imposta annuo nella misura del 50% dell’importo pari ad un ventesimo degli interessi e dei premi assicurativi complessivamente pattuiti nei relativi contratti.

 

Ape Aziendale

I datori di lavoro del settore privato del richiedente (escluse quindi le amministrazioni pubbliche), gli enti bilaterali o i fondi di solidarietà settoriali potranno, con il consenso del richiedente, incrementare il montante contributivo individuale maturato da quest’ultimo, versando all’INPS in unica soluzione al momento della richiesta dell’APE un contributo non inferiore, per ciascun anno o sua frazione di anticipo rispetto alla maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia, all’importo della retribuzione percepita dal lavoratore prima del pensionamento.

In questo modo, incrementando il valore della pensione, il lavoratore compenserà parte della riduzione dell’assegno dovuta agli oneri di restituzione del prestito finanziario.

 

Domanda di certificazione del diritto all’APE

I soggetti interessati possono presentare la domanda di certificazione del diritto all’APE, tramite il portale dell’Inps, direttamente o attraverso i Patronati.

L’Inps, entro 60 giorni, accerterà la sussistenza di tutti i requisiti e invierà l’esito all’indirizzo di posta elettronica del richiedente, certificando la prima data utile per la presentazione della domanda di APE e comunicando  l’importo minimo e massimo della quota di APE ottenibile e la durata massima del finanziamento.

Per maggiori informazioni potete contattare Daniela Minelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta (0 Commenti)

Split Payment: gli elenchi pubblicati hanno efficacia costitutiva

Split payment: gli elenchi pubblicati hanno efficacia costitutiva

L'individuazione dei soggetti destinatari del meccanismo dello split payment (art.17ter DPR 633/72) è resa certa dall'inclusione dei soggetti stessi in appositi elenchi pubblicati sul sito del Dipartimento delle Finanze del Ministero dell'economia e delle finanze. Gli elenchi sono spesso oggetto di modifiche, necessarie per tenere conto delle segnalazioni dei contribuenti che richiedono l'inclusione o l'esclusione negli elenchi in base ai requisiti posseduti.

Per assicurare certezza giuridica ai rapporti che riguardano i soggetti destinatari dello split payment viene chiarito che la disciplina dello split payment ha effetto dalla data di effettiva inclusione del soggetto nell'elenco e della pubblicazione dell'elenco stesso sul sito del Dipartimento delle Finanze.

La consultazione degli elenchi viene agevolata con l'inserimento della data di inclusione del soggetto negli elenchi, indicata in apposita colonna.

Per maggiori informazioni, potete contattare Alessia Frabetti Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta (0 Commenti)

Nuova tassonomia XBRL bilanci 2018: pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

Nuova tassonomia XBRL bilanci 2018: pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il comunicato del Ministero dello sviluppo economico relativo alla pubblicazione della nuova tassonomia XBRL dei documenti che compongono il bilancio ai fini del deposito al Registro delle Imprese (Tassonomia 2017-07-06).

La nuova versione della tassonomia deve essere utilizzata obbligatoriamente dal 1° marzo 2018; fino al 28 febbraio compreso sarà comunque possibile depositare i bilanci con la tassonomia precedente.

Per maggiori informazioni, potete contattare Alessia Frabetti Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta (0 Commenti)

RiaperturaFONDO STARTER - AVVIO D’IMPRESA

RiaperturaFONDO  STARTER  -  AVVIO D’IMPRESA

Risorse POR-Fesr Regione Emilia Romagna (gestore Unifidi E.R.)

Si tratta di un fondo rotativo di finanza agevolata riservato alle neo imprese (Piccole imprese, costituite da meno di 5 anni alla data di presentazione della domanda, operanti in Emilia Romagna)  a tasso zero sul  70% del progetto.  Le domande potranno essere presentate on line dal 01 Marzo al 07 Maggio 2018 (salvo esaurimento fondi).

Per approfondimenti  vi invito a leggere l’allegato.

Le imprese potranno rivolgersi al servizio credito:   Cna Servizi Finanziari Ferrara srl 0532/749111  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta (0 Commenti)

Riapertura FONDO ENERGIA - FINANZIAMENTI PER INTERVENTI DI GREEN ECONOMY

Riapertura FONDO  ENERGIA - FINANZIAMENTI PER INTERVENTI DI GREEN ECONOMY
AGEVOLAZIONE: Tasso zero + fondo perduto

Risorse POR-Fesr  Regione Emilia Romagna (gestito da Unifidi E.R.)

 

Si tratta di un fondo rotativo di finanza agevolata riservato alle imprese in cui si realizza un progetto d’investimento  finalizzato all’efficienza energetica ed all’uso di energia rinnovabile, le stesse devono avere  sede o unità locale in Emilia Romagna. Il finanziamento  di importo fino a ad € 500.000 e con durata fino a 96 mesi è a tasso zero sul  70% del progetto ammesso, mentre il  restante 30% ad un tasso convenzionato con gli Istituti di Credito.

Il Fondo concede inoltre un CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO che copre le spese tecniche sostenute per la diagnosi energetica, e/o lo studio di fattibilità, e/o la preparazione del progetto di investimento.

L’importo massimo del contributo non potrà superare i 12,5% della quota pubblica di finanziamento ammesso e verrà erogato dopo la rendicontazione finale del progetto.

Le domande potranno essere presentate on line dal 01 Marzo al 07 Maggio 2018 (salvo esaurimento fondi).

Per approfondimenti  vi invito a leggere l’allegato.

Le imprese potranno rivolgersi al servizio credito:  Cna Servizi Finanziari Ferrara srl 0532/749111  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta (0 Commenti)

Le novità in materia di lavoro dalla Legge di Bilancio 2018

Le novità in materia di lavoro dalla Legge di Bilancio 2018

leggebilancio2018-1

La legge di Bilancio 2018 (legge n. 205/2017), pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre 2017 ha introdotto importanti novità in materia di lavoro e pensioni. Per imprese e professionisti. Tra gli argomenti:  Incentivi strutturali all’occupazione giovanile stabile, Credito d’imposta per la formazione 4.0, la proroga  del regime contributivo per l’apprendistato di 1° livello,  la deduzione costo del lavoro stagionale ai fini del valore della produzione IRAP, limiti di reddito complessivo per i figli a carico, la verifica dello stato di disoccupazione, modifiche in materia di previdenza complementare, le modalità di corresponsione delle retribuzioni ai lavoratori, ecc.

 

Per saperne di più, vai al testo completo delle disposizioni: clicca qui

 

Commenta (0 Commenti)

PROTOCOLLO QUADRO DI SOSTEGNO AL REDDITO DEI LAVORATORI DI AZIENDE IN DIFFICOLTA'

Proroga del "Protocollo quadro di sostegno al reddito dei lavoratori di aziende in difficoltà"

 

 “Al fine di diminuire il disagio dei lavoratori beneficiari degli ammortizzatori sociali “conservativi”, a causa del tempo intercorrente tra l’inizio delle sospensioni dal lavoro e l’erogazione da parte dei trattamenti stessi per l’anno 2018, la Regione Emilia-Romagna, le Parti sociali e gli Istituti bancari hanno concordato, nella riunione tenutasi in data 19 gennaio 2018, di prorogare al 31 dicembre 2018 il “protocollo quadro di sostegno al reddito dei lavoratori di aziende in difficoltà” .  

Possono beneficiare i lavoratori di unità operative con sede in Emilia Romagna posti in  CIGO , CIGS per i lavoratori dell’editoria , CIGS e Contratto di Solidarieta’. Agevolazione con finanziamento individuale sino ad un massimo di 700 euro al mese per 9 mensilità per CIGS e Contratto di Solidarietà e per 3 mensilità per CIGO .

 

I nostri uffici paghe sono a disposizione per tutte le informazioni. Clicca qui

Commenta (0 Commenti)

NOVITA' SPESOMETRO

novita' Spesometro al 6 aprile 2018

Il Collegato fiscale 2018 e la legge di Bilancio 2018 hanno operato alcune modifiche sull’obbligo comunicativo relativo ai dati delle fatture emesse e ricevute, c.d. “spesometro”.

Le novità riguardano:

  • l’estensione anche all’anno d’imposta 2018 della facoltà di trasmettere i dati con periodicità semestrale, con termine della comunicazione relativa al primo semestre del 2018 differito al 30 settembre 2018;
  • le importanti semplificazioni che sono state accolte per effetto dell’azione svolta anche da CNA e Rete Imprese Italia.
  • non applicazione delle sanzioni in riferimento alle comunicazioni effettuate per il primo semestre 2017, a condizione che i dati esatti siano ritrasmessi entro il 6 aprile 2018;
  • semplificazioni nella tipologia di dati da inviare. Si invieranno solo: partita IVA o codice fiscale dei soggetti coinvolti, data e numero fattura, base imponibile, aliquota, imposta, tipologia dell’operazione se l’imposta non è indicata in fattura;
  • facoltà per il 2018 di invio semestrale dei dati (ammesso quindi l’invio trimestrale);
  • in luogo dei dati delle fatture di importo inferiore a 300,00 euro (al lordo dell’IVA à chiarimento di Telefisco2018), registrate cumulativamente, è data la facoltà di trasmettere i dati del documento riepilogativo (rimane il problema delle fatture emesse annotate sul registro dei corrispettivi ex art. 24/633 che continuano a dover essere analiticamente comunicate).

Tra le modifiche apportate e già in vigore segnaliamo le più significative:

  • Le semplificazioni operano anche in merito a un’eventuale ritrasmissione del primo semestre 2017 a scopo modifica/correzione. La prorogata data del 6 aprile 2018 vale anche in riferimento al termine per la scadenza di presentazione dello spesometro secondo semestre 2017.

 

Per maggiori informazioni, potete contattare Alessia Frabetti, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta (0 Commenti)

RINNOVATA LA CONVENZIONE TRA UNFIDI ED UNICREDIT BANCA

RINNOVATA LA CONVENZIONE TRA UNFIDI E.R. ED UNICREDIT BANCA

Abbiamo il piacere di informavi che dopo un anno di interruzione dell’operatività tra Unifidi ed Unicredit, in questi giorni è stata firmata la nuova convenzione che ci consentirà di riprendere ad operare offrendo la garanzia consortile alle Imprese ns. associate per operazioni erogate da Unicredit, sulle quali si rendesse necessaria la garanzia di un Consorzio Fidi  vigilato da Banca d’Italia.

Sono attualmente in fase di definizione prodotti e condizioni.

Vi ricordiamo che potete rivolgervi a Cna Servizi Finanziari Ferrara srl, per ulteriori informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenta (0 Commenti)

La legge di bilancio 2108 - le novità più importanti

Fisco, ecobonus, maxibollette, Sistri... Tutte le novità previste dalla manovra appena approvata: Legge di Bilancio 2018

leggebilancio2018-1

E' possibile poi scaricare un ulteriore documento con maggiori informazioni sulle varie voci di interesse per le imprese e per i cittadini. Clicca qui

Inoltre sul sito del nazionale sono consultabili altri singoli approfondimenti tematici.

I consulenti CNA sono sempre a disposizione per delucidazioni.

Commenta (0 Commenti)

Vuoi approfondire senza impegno questo argomento o semplicemente richiedere informazioni?

Contattaci compilando il modulo sottostante

Rispondiamo sempre a tutte le mail!

Bandi e Opportunità